Scienziati invecchiano e ringiovaniscono topi a piacimento: un nuovo paradigma per invertire l’invecchiamento

In uno studio innovativo che dura da oltre 13 anni, i ricercatori guidati dal dottor David Sinclair dell’Università di Harvard, hanno ribaltato quello che precedentemente si pensava di sapere sull’invecchiamento.

Per decenni la teoria principale, che spiega perché tutti gli esseri viveventi invecchiano ed alla fine muoiono, è stata quella secondo cui l’invecchiamento è dovuto a mutazioni del DNA e quando le cellule si dividono e proliferano nel tempo.

Questo, si è visto recentemente, non è molto vero e su questo ha fatto un grosso lavoro, appunto, questo team guidato da David Sinclair.

David Sinclair è un biologo australiano-americano e conosciuto per le sue ricerche sull’invecchiamento, sull’epigenetica.

Sinclair è un professore di genetica alla Harvard Medical School ed è co-direttore del centro per le ricerche sulla biologia dell’invecchiamento.

David Sinclair è molto conosciuto in questo settore, cosa più recente nel settembre 2019, ha pubblicato un libro molto importante che si chiama “Lifespan, why we age and why we don’t have to” quindi, perché invecchiamo e perché non è necessario che succeda.

In questo libro ed altre pubblicazioni, il dottor Sinclair ha discusso le sue ricerche nel campo della longevità e ha raccontato un pò quello che lui stesso assume; c’è un suo specifico protocollo, che prevede che tutti i giorni si assuma del NAD, più che altro dell’ NMN, Nicotinamide mononucleotide, del Resveratrolo, di cui abbiamo parlato in altri video, che Sinclair dice essere un attivatore della Sirtuina Sirt 1, ed una serie di altre sostanze che di cui abbiamo parlato comunque nei nostri video.

Nel 2023 il dottor Sinclair ha fondato assieme ad altri una società che si chiama Tally Health: è una società dedicata alla longevità, che ha come obiettivo quello di cambiare il modo nel quale si invecchia a livello cellulare.

Ha anche affermato che cambiando la sua nutrizione e la sua routine di esercizio ha dimostrabilmente ringiovanito il suo corpo di circa 10 anni.

Gli scienziati che lavorano con lui hanno dimostrato che le mutazioni del DNA sono solo una parte del quadro più grande dove invece ha un ruolo molto importante l’epigenetica ed hanno dimostrato questa loro tesi facendo invecchiare o invertendo l’invecchiamento nei topi con la stessa facilità con cui si sposta un interruttore.

Quindi, la teoria classica dell’informazione sull’invecchiamento è che il DNA è come un progetto, ne abbiamo parlato nei nostri video, Il DNA è come fosse una serie di libroni nei quali sono contenuti tutti quanti i piani della nave da crociera che ci rappresenta, nei nostri paradigmi facciamo un esempio come il nostro corpo è come una nave da crociera ed il DNA è un pò come tutto l’insieme dei piani di costruzione e dei manuali di manutenzione.

Questo grande manuale contiene le istruzioni necessarie ad un organismo per crescere, svilupparsi, sopravvivere e riprodursi ed il DNA svolge questa funzione, controllando la sintesi delle proteine, che sono i mattoni fondamentali delle cellule, quindi come vengono prodotte e quando.

Registrati per ricevere il tuo elenco personalizzato e gratuito delle sostanze necessarie per i 150 anni di vita.

Fino all’ultimo in ottima salute.

Vai su www.mev.cx registrati e ricevi l’invito esclusivo e non cedibile al Programma 150 Anni.

Ogni gene ha una sequenza specifica unica nel DNA, produce una proteina Specifica e tutti i geni presenti nel corpo costituiscono il genoma.

Quando un gene muta è come se cambiasse una copia cartacea di una o più parti della sua sequenza quindi, a questo punto, è come se prendessimo un foglio di questi grandi manuali e lo cambiassimo con un altro foglio e queste sono mutazioni del DNA, mutazioni geniche.

I cambiamenti epigenetici, invece, sono modifiche genetiche che hanno un impatto sull’attività dei geni, senza cambiare la sequenza del DNA.

Ne abbiamo parlato molto spesso, un esempio di cambiamento epigenetico è la metilazione del DNA, ovvero l’aggiunta di un gruppo metile, è una specie di tappo chimico, ad una parte della molecola di DNA, che è quella doppia elica che vediamo molto spesso rappresentata.

Questa epigenetica, questa decorazione, viene messa sul DNA, impedisce l’espressione di alcuni geni; questi cambiamenti epigenetici possono essere provocati dalla dieta, da fattori di stress, da inquinanti ambientali.

Non capitano in tanto tempo, possono agire quasi istantaneamente, anche soltanto se si fa sforzo fisico.

Per fare un esempio, è come se ci fosse l’orchestra che suona sulla nostra nave, è un grande concerto ed ogni strumento di questa orchestra è come se fosse un gene che c’è nel DNA e la musica che suona è come l’andamento complessivo dell’organismo.

Il direttore d’orchestra è l’epigenetica e dice ad ogni strumento quando suonare e quando no e con quale ritmo: questo chiaramente va a cambiare il suono della musica prodotta e l’epigenetica cambia il funzionamento dell’organismo.

L’epigenetica ha suscitato grande interesse nel corso degli anni per il suo immenso potenziale di trasformazione dell’assistenza sanitaria.

Quando il corpo subisce mutazioni genetiche non c’è più molto da fare, ma se una malattia come il cancro o l’Alzheimer è causata da un cambiamento epigenetico, la situazione è completamente reversibile.

Il dottor Sinclair ritiene che lo stesso valga anche per l’invecchiamento e quindi ha proposto quella che ha chiamato “la teoria dell’informazione dell’invecchiamento” secondo la quale l’invecchiamento, in quasi tutti gli eucarioti anche per gli esseri umani, è dovuto alla perdita di informazioni epigenetiche nel corso del tempo e non solo all’accumulo di mutazioni nelle cellule.

Un modo per vedere questo aspetto è che le cellule invecchiano ed iniziano a funzionare male a causa dii difetti del software, piuttosto che a causa dei danni all’hardware è come se fossero degli aggiornamenti del sistema operativo, che come ben sappiamo, spesso e volentieri, non fanno più funzionare il computer nel suo complesso.

L’implicazione fondamentale di questo è un cambiamento di paradigma nel modo in cui gli scienziati considerano un invecchiamento biologico e che l’invecchiamento è molto più reversibile di quanto si pensasse.

Bisogna però aggiustare questo codice epigenetico, questo perché tutte le cellule viventi di un organismo contengono le stesse identiche istruzioni, lo stesso manuale di istruzioni di manutenzione, codificata nel loro DNA.

Il motivo per cui una cellula può svilupparsi in una cellula particolarmente specializzata, per esempio una cellula della pelle, un neurone, una delle ossa eccetera, ha a che fare con fattori epigenetici che attivano e disattivano determinati geni, che portano alla differenziazione cellulare, ma le istruzioni sono uguali per tutte.

Durante gli esperimenti, il gruppo di Sinclair ha introdotto delle interruzioni nel DNA di topi molto giovani per accelerarne l’invecchiamento, come se si fosse premuto il tasto di avanti veloce su un videoregistratore, su un qualunque player video.

Queste interruzioni di cromosomi sono state posizionate al di fuori delle regioni codificanti del DNA dei topi, il che significa che non è stato fatto alcun danno ai geni stessi, ma solo alle aree tra di essi; questo impedisce ai topi di sviluppare mutazioni genetiche e qualsiasi cambiamento sarebbe dovuto esclusivamente al modo in cui il DNA è attivato o disattivato.

Nel giro di poche settimane i topi apparivano anormalmente vecchi per la loro età cronologica, con pelo grigio, peso corporeo inferiore, minore attività e segni di fragilità.

I ricercatori hanno attribuito questi effetti al danno che i fattori epigenetici che normalmente dovrebbero regolare i geni, avevano prodotto essendo disorganizzati ed inattivi, probabilmente perché avevano perso le informazioni originali.

Gli scienziati hanno utilizzato una terapia genetica virale composta da tre geni: Oct4, Sox2 e Klf4, che fanno parte dei cosiddetti fattori delle cellule staminali di Yamanaka, di cui abbiamo già parlato.

Yamanaka ha vinto poi anche un premio Nobel per questo tipo di ricerche: sono tipicamente utilizzati per trasformare le cellule specializzate adulte, come quelle della pelle, quindi cellule già differenziate e farle tornare indietro ringiovanire fino ad essere cellule staminali, che sono tecnicamente chiamate cellule staminali pluripotenti indotte.

Le cellule staminali pluripotenti sono pluripotenti perché possono produrre tanti tipi diversi di cellule definitive somatiche e sono indotte in questo caso perché sono indotte da questo tipo di sostanza che diamo dall’esterno.

Nel caso della ricerca del gruppo di Sinclair, però, questi fattori non hanno trasformato le cellule adulte in cellule staminali, ma si sono limitati a reimpostare la storia epigenetica delle cellule e le loro istruzioni per modificare l’espressione genica.

Quindi hanno un pò fatto un passo indietro, un reset, ma non un ritorno completo all’origine.

Questa teoria è nota come ICE, che sta per Inductible Changes to the Epigenome, quindi cambiamenti inducibili dall’esterno all’ epigenoma.

Questa tipo di temnica ha notevolmente invertito i cambiamenti epigenetici, riparando le rotture del DNA e successivamente anche ringiovanendo i topi, quindi hanno invertito gli effetti dell’invecchiamento.

I ricercatori hanno concluso che, con la capacità di guidare l’invecchiamento in entrambe le direzioni, avanti ed indietro, la perdita di informazioni epigenetiche è una causa di invecchiamento dei mammiferi e possiamo agirci a piacere.

La stessa tecnica è stata utilizzata da un altro gruppo della società biotecnologica Rejuvenate Bio, per estendere la durata della vita dei topi fino al 109 per cento.

In precedenza, nel 2020, abbiamo fatto un video su questo: il team di Sinclair aveva utilizzato l’ICE per ripristinare la vista nei topi anziani, ma i nuovi risultati dimostrano che il ringiovanimento può essere ottenuto in tutto il corpo e non solo in un particolare tessuto o organo.

Ne consegue che, almeno in teoria, la stessa terapia potrebbe essere utilizzata per invertire le malattie legate all’età che attualmente affliggono l’umanità, comprese quelle attualmente incurabili come l’ Alzheimer.

In un altro studio, il gruppo di Sinclair ha anche dimostrato che l’uso dei fattori di Yamanaka può invertire l’età epigenetica dei neuroni vecchi e quindi questo fa sì di ripristinare il funzionamento cerebrale.

Chiaramente bisogna vedere se tutto questo funziona anche sugli esseri umani però la base metabolica è abbastanza simile fra gli esseri umani ed i topi in questo specifico campo.

Non è ancora del tutto chiaro come questi fattori epigenetici svolgano esattamente il loro lavoro di ringiovanimento però si sa che funzionano e questo già molto importante.

Ora Sinclair ed il suo gruppo stanno testando l’ICE su primati non umani, quindi seguiremo da vicino questi sviluppi e poi ve ne parleremo nei video futuri, perché potrebbero aprire le porte ad una nuova era di ringiovanimento e terapie della longevità che potrebbero toccare la vita di miliardi di persone.

Questi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell e sono estremamente promettenti e vanno un pò in parallelo con quelli del professor Yamanaka che sta lavorando invece con un’altra società che conosciamo che sono gli Altos Labs di cui abbiamo parlato in altri video video.

Ricorda che la medicina ufficiale è importante e vanno seguite le indicazioni dei medici abilitati.

Non diciamo che queste cose si vanno a sostituire ad una vita sana, a una dieta equilibrata e al fatto di andare a farsi controllare tutte le volte che serve e assumere tutti i medicinali che ci vengono prescritti.

Questi sono potenziamenti che ci fanno rimanere operativi, lucidi e in grado di goderci la vita.

Iscrivendosi alla pagina (e mettendo un ‘mi piace’) si resterà aggiornati su tutte le tecnologie di estensione vitale e inversione dell’invecchiamento in sviluppo o già disponibili nel mondo, tramite articoli e video tradotti in italiano.

Registrati sul sito per ricevere automaticamente tutti gli aggiornamenti del Movimento rilevanti per la tua vita estesa e la tua salute potenziata:

Rimani sempre aggiornato anche con il nostro canale telegram, basta un click qui:

https://t.me/vitaestensione

Segui gratuitamente tutti gli episodi anche solo ascoltandoli sul podcast del Movimento Estensione Vita

su Apple:

https://podcasts.apple.com/us/podcast/movimento-estensione-vita/id1567804669

su Spotify:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

sixteen + fifteen =